Aggredì v.preside, evaso per battesimo

Dopo avere aggredito a scuola un vicepreside non ha rispettato le prescrizioni degli arresti domiciliari ed è finito in carcere. Si è aggravata la posizione del pregiudicato di 38 anni che il 10 febbraio scorso ha aggredito il vicepreside della scuola media 'Murialdo' di Foggia colpevole di avere rimproverato suo figlio undicenne il giorno prima. L'uomo infatti, che da venerdì scorso si trovava agli arresti domiciliari per violenza e minaccia a pubblico ufficiale e lesioni gravi, secondo quanto accertato dalla polizia ieri, sin dalla mattina, si è allontanato dalla propria abitazione per partecipare con i parenti ad una festa di battesimo in un ristorante foggiano, peraltro in compagnia di noti pregiudicati. La presenza dell'uomo alla festa sarebbe provata anche da un video postato su facebook che è stato acquisito dalla squadra mobile. L'uomo è stato così portato in carcere con l'accusa di evasione dagli arresti domiciliari.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Villanova del Battista

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...